PMI e il futuro delle politiche di conciliazione vita – lavoro. Best Practices e opportunità, il progetto MASP

Mercoledì 21 e venerdì 23 ottobre dalle 9.30 alle 13.00 si terràl webinar “PMI e il futuro delle politiche di conciliazione vita – lavoro. Best Practices e opportunità, il progetto MASP”.

L’evento – organizzato da A.P.I., Associazione Piccole e Medie Industrie, partner di MASP – Master Parenting in Work and Life, il progetto europeo promosso dal Comune di Milano come ente capofila.

Il progetto MASP – Master Parenting in Work and Life è un progetto finanziato dall’UE finalizzato non solo ad aiutare le persone a conciliare l’equilibrio tra la propria vita e l’occupazione, ma anche a incentivare la partecipazione delle donne al mercato del lavoro.

L’evento è unico e legato dall’importante filo conduttore che vede strategica l’introduzione di nuovi modelli organizzativi per il rilancio delle PMI e il loro futuro, è stato organizzato in due date per dare spazio anche alle storie di impresa e rendere ancora più concreto il confronto con le esperienze.

Il tema della conciliazione tra famiglia e lavoro è di grande attualità nella società contemporanea, una sfida importante e  centrale per le politiche sociali, del lavoro e delle pari opportunità a livello nazionale ed europeo.

Per questo motivo il progetto MASP è uno stimolo fondamentale per favorire la sperimentazione di strumenti finalizzati alla valorizzazione e alla fidelizzazione dei collaboratori.

L’evento “PMI e il futuro delle politiche di conciliazione vita – lavoro. Best Practices e opportunità, il progetto MASP” si propone di offrire spunti utili per stimolare le imprese nell’adottare questi modelli.

SCARICA IL PROGRAMMA

ISCRIVITI ALL’EVENTO

La presente pubblicazione ha ricevuto un sostegno finanziario dal programma dell’Unione europea per l’occupazione e l’innovazione sociale “Easi” (2014-2020).
Le informazioni, la documentazione e i dati contenuti in questo documento sono di esclusiva responsabilità dell’autore e non riflettono necessariamente il parere della Commissione europea. La Commissione europea non è responsabile per l’uso che può essere fatto delle informazioni qui contenute.