Formazione congiunta tra le stazioni appaltanti e i soggetti dell'imprenditoria sociale

Il profondo cambiamento strutturale che attraversa la nostra società, impone una diversa visione della produzione dei servizi: l’ideazione, l’implementazione e la valutazione del servizio devono essere il risultato di un processo collaborativo di co-progettazione. La co-progettazione, considerata la sua particolare natura e modalità di svolgimento delle relative procedure, si configura come uno strumento che supera il tradizionale rapporto committente fornitore per la realizzazione di nuove forme di collaborazione e di partnership fra la pubblica amministrazione e i soggetti dell’imprenditoria sociale.

Dunque alle cooperative sociali e loro consorzi la legge riconosce un ruolo attivo nel come rendere operativa la coprogettazione. All’imprenditoria sociale è riconosciuto il ruolo di innovazione e sperimentazione sociale, ma per far questo le si richiede una grande opera di aggiornamento. Non sono in discussione i valori ed i principi fondanti, ma si tratta di ammodernare le modalità con cui quei valori e principi si applicano.

Si tratta, in altri termini, di impostare nuovi rapporti di collaborazione (di partnership pubblico-privato) con la pubblica amministrazione che, per un verso, diano visibilità all’imprenditore sociale non solo come operatore sociale, ma altrettanto come imprenditore sociale; per altro verso, diano visibilità all’impegno della pubblica amministrazione per affidare le commesse pubbliche non solo nel rispetto formale delle procedure ad evidenza pubblica, previste dalla legislazione comunitaria e nazionale, ma nel sostanziale rispetto e valorizzazione, ai sensi dell’art. 118 Cost., della capacità progettuale e del processo di produzione del servizio oggetto dell’affidamento che le cooperative sociali e le imprese sociali sono in grado di garantire.

Date:
marzo-maggio 2019
Location:
Bertinoro (FC)
Program cost:
€ 750
Contacts:
Roberta Partisani (CEUB) rpartisani@ceub.it